Jobbe

Dal 3 marzo la ventiduesima edizione di Ristorexpo: Lardo ai giovani

ristorexpo archivio 2018 ristorexpo archivio 2018

Lardo ai giovani. E’ questo il tema scelto per la ventiduesima edizione di Ristorexpo, il salone dedicato ai professionisti della ristorazione promosso in collaborazione con Confcommercio – FIPE e ospitato presso i padiglioni di Lariofiere a Erba

A Ristorexpo sono presenti ogni anno quasi 200 espositori che rappresentano oltre 350 marchi tra i più rappresentativi per il settore. Non mancano le eccellenze agroalimentari, con le produzioni italiane di qualità, i semilavorati e i preparati per la ristorazione, la panificazione e la pasticceria. A completamento dell’area espositiva, una porzione della mostra è dedicata ai grandi vini italiani, con 150 cantine rappresentate e oltre 500 etichette. Ristorexpo è visitata ogni anno da 20.000 persone, di cui l’80% appartenente al settore della HO.RE.CA.

Ristorexpo è

  • l’evento BtoB dove protagonisti sono gli operatori: oltre 200 aziende che presentano le novità e le tendenze per il fuori casa e 20.000 professionisti del settore Ho.Re.Ca in visita ogni anno;
  • l’occasione per incontrare e confrontarsi con i più grandi maestri della cucina italiana: a partire da Massimo Bottura, Carlo Cracco, Davide Scabin, tutti gli chef più famosi hanno calcato le scene di Ristorexpo, dando prova del loro talento;
  • una delle più qualificate occasioni di formazione per professionisti ma anche per i più giovani, con un programma eventi che prevede tra l’altro stage di cucina, storytelling, workshop e seminari di approfondimento;
  • un laboratorio di idee dove confrontarsi, far nascere progetti, trovare sostegno concreto grazie anche alla presenza attiva delle più qualificate associazioni del settore;
  • un esempio innovativo di marketing applicato che coinvolge l’intera area territoriale, offrendo concrete opportunità di promozione e sviluppo a tutti gli attori che vi operano.

Come detto il tema scelto per l’edizione 2019 è Lardo ai giovani. perchè il gusto per la provocazione non manca mai agli organizzatori di Ristorexpo